Caponata alla trapanese

Tags: antipasto

La grande intesa della Caponata è con i rosati intensi o i vini rossi nelle versioni più giovani, morbide e fruttate.

Melenzane tonde 800 gr
Peperoni 2
Sedano 1 gambo
Cipolla rossa 1
Aglio 1 spicchio
Carote 2
Pomodori 400 gr qualità pizzutello
Olive 40 gr
Mandorle 30 gr leggermente tostate
Capperi Una manciata (dissalati)
Zucchero di canna 2 cucchiai
Aceto di vino 3 cucchiai
Olio extra vergine di oliva q.b.
Sale q.b.

 

  • Difficoltà: Media
  • Preparazione: 2 ore
  • Cottura: 20 minuti
  • Tempo totale: 2 ore 20 minuti
  • Dosi per 4 persone

 

PREPARAZIONE

Prendete le melanzane, lavatele e tagliate via il picciolo e la parte finale. Riducetele a tocchetti e lasciatele spurgare in un colapasta con del sale grosso per circa 30 minuti. A parte pulite e affettate i peperoni. Riducete la cipolla a fettine, fate lo stesso con le carote e fate rosolare le verdure in una padella con un filo di olio e uno spicchio di aglio. Aggiungete i pomodori puliti e tagliati a pezzetti, mezzo bicchiere di aceto, lasciate sfumare e poi unite i due cucchiai di zucchero. In una pentola fate sbollentare per qualche minuto il sedano in acqua e aceto e poi aggiungetelo ai pomodori. Sciacquate le melanzane, asciugatele in un foglio di carta assorbente e poi fatele friggere in una padella con olio ben caldo. Quando saranno dorate, scolatele e asciugate l’olio in eccesso. Fate lo stesso con i peperoni e poi unite le verdure fritte ai pomodori, aggiungete le olive a pezzetti, le mandorle leggermente tostate e i capperi. Mescolate delicatamente con un cucchiaio di legno per non sfaldare le verdure. Aggiustate di sale e portate in tavola la vostra caponata.

Nel 1700 la caponata veniva consumata come piatto unico. Oggi è solitamente preparata come contorno. Gli aristocratici, originariamente, erano soliti consumare una caponata a base di pesce. Col tempo il pesce venne sostituito dalle melanzane, in quanto i ceti popolari umili, non potevano permettersi di acquistare pesce pregiato.
Due le tesi più attendibili sull’origine del nome: la prima, il termine caponata deriva da “capone”, pesce dalla carne pregiata condito con salsa agrodolce. La seconda tesi l’etimologia sarebbe riconducibile a “caupone”, termine che indica le taverne dei marinai, i quali nel 17esimo erano soliti fermarsi in questi luoghi di ristoro.

Kcal 89
Kjoule 372
Carboidrati 7,1 g
Colesterolo 0 mg
Fibre 2,2 g
Proteine 0,85 g
Zuccheri 2,55 g
Grassi 6,97 g
Grassi saturi 0,981 g
Grassi monoinsaturi 4,922 g
Grassi polisaturi 0,804
To top

Questo è un negozio di prova — nessun ordine sarà preso in considerazione. Ignora